Le indicazioni per la sicurezza nello stoccaggio con carrelli movimentatori, elevatori e trasportatori.

Uno dei principali problemi legati all'utilizzo delle apparecchiature di sollevamento e movimentazione è la corretta gestione delle aree di stoccaggio. Una gestione non adeguata, caratterizzata ad esempio dalla fretta nell'attività lavorativa, dalla mancanza di idonei spazi, dalla scarsa attenzione alle regole di sicurezza, aumenta i rischi e rende più probabili e gravi gli incidenti.

Uno strumento - presente nelle aziende in varie tipologie, configurazioni e portate - che permette di gestire le operazioni di magazzino in maniera efficiente e rapida è il carrello elevatore. Ma non sempre nell'uso di questo strumento si presta sufficiente attenzione alla sicurezza e, in questo caso, “le operazioni di stoccaggio introducono nelle attività lavorative

nuovi fattori di pericolo”.

Ad affermarlo è la pubblicazione Inail “ Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali. Manuale sulla sicurezza destinato agli addetti al carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali pericolosi”, realizzata dalla Direzione Centrale Prevenzione dell’Inail in collaborazione con Parsifal Srl.

In particolare il documento si sofferma su diverse tipologie di carrelli.

Si ricorda che i carrelli movimentatori sono concepiti per la movimentazione e il trasporto e “non permettono di realizzare stoccaggi su più piani”. Tuttavia la loro manovrabilità permette “di passare anche in spazi relativamente ristretti”.

È necessario poi ricordare che nella realizzazione degli stoccaggi bisogna prestare particolare attenzione a non ostruire, anche temporaneamente, uscite di emergenza, vie di fuga e presidi antincendio.

Inoltre gli stoccaggi dovranno “permettere un passaggio agevole di persone e dei mezzi che abbiano la necessità di transitare. Dove possibile, è auspicabile realizzare passaggi separati per i pedoni. I prodotti pericolosi, debitamente etichettati, vanno depositati negli appositi spazi, prestando attenzione allo stato di conservazione degli imballi.

E durante il trasporto “bisogna prestare attenzione a non urtare pile, scaffali e quant'altro delimiti il passaggio, e prestare attenzione alla presenza di persone e di mezzi”.

Ci soffermiamo ora in particolare sui carrelli elevatori che “sono particolarmente indicati per lo stoccaggio di merci su scaffalature industriali in magazzini intensivi. Le fasi di prelievo e deposito del carico possono comportarne il sollevamento anche a una certa altezza; è per questo che, prima di procedere, è necessario:

  • verificare la stabilità del carico, l’adeguatezza e lo stato degli imballi;
  • accertarsi che il punto di prelievo/deposito permetta l’ effettuazione delle manovre;
  • verificare che il mezzo che si va a utilizzare sia idoneo, in relazione al carico da movimentare e all'altezza da raggiungere”.

Altre indicazioni relative allo stoccaggio:

  • “in caso si debbano posizionare colli su scaffali, la portata per ripiano di questi ultimi deve essere superiore al loro peso;
  • i carichi di peso maggiore vanno posizionati preferibilmente nella parte bassa degli scaffali;
  • i prodotti in fusti vanno movimentati utilizzando appositi accessori, oppure bancali, ai quali i fusti vanno però vincolati;
  • durante la movimentazione e lo stoccaggio di prodotti pericolosi, occorre prestare attenzione a non rendere illeggibili le etichette riportanti le indicazioni di pericolo”.

Parliamo poi dei carrelli trasportatori elevatori, una tipologia di apparecchi molto diffusa in diversi comparti produttivi e concepita, oltre che per attività di sollevamento, anche per il trasporto.

Infatti queste attrezzature di lavoro hanno una “grande versatilità operativa, sia per quello che riguarda la fase di immagazzinamento vera e propria, sia per quello che riguarda la fase di trasporto”.

Riguardo allo stoccaggio il documento segnala che:

  • “in caso si debba operare in magazzini dotati di scaffalature, è necessario valutare attentamente le caratteristiche del mezzo in relazione a: spazi di manovra; altezza massima di stoccaggio; carico massimo; necessità o meno di transitare in presenza di pavimentazione non uniforme, discese/salite;
  • durante le manovre fra gli scaffali, è necessario prestare molta attenzione a non urtare con il carico o con il carrello le piantane di sostegno degli scaffali. In caso di urto accidentale, occorre avvisare immediatamente i propri superiori, e verificare l’entità del danno;
  • se la stabilità della scaffalatura è compromessa, bisogna vietare il transito nelle sue adiacenze e provvedere celermente alla sua riparazione”;
  • i prodotti in fusti “vanno movimentati o utilizzando appositi accessori, oppure bancali”;
  • gli stoccaggi su più livelli e più file vanno realizzati prestando attenzione a: sovrapporre solo colli con analoghe dimensioni e in grado di reggere il peso di quelli sovrastanti; stoccare i colli di dimensione e peso maggiore nella parte inferiore; non addossare colli a vetrate, pareti sottili, impianti e macchinari; lasciare vie di transito adeguate in relazione alla dimensione dei mezzi, alla necessità di effettuare manovre, alle dimensioni dei carichi”.

Sempre in relazione a questa tipologia di carrelli e al tema della viabilità e del rischio di investimento si indica che:

  • è preferibile “realizzare percorsi di transito separati per pedoni e mezzi; nel caso non sia possibile adottare tale soluzione, i conducenti dei mezzi in transito devono prestare particolare attenzione all'eventuale presenza di pedoni;
  • la presenza contemporanea di mezzi e pedoni deve essere adeguatamente segnalata, sia con segnaletica verticale, sia con segnaletica a pavimento; allo stesso modo, è importante delimitare le zone di stoccaggio, identificare vie di esodo e presidi antincendio, ed evidenziare tutto quello che potrebbe interferire con il raggio d’azione dei mezzi (pilastri, parti di macchinario…)”.

Tornando alle attività di stoccaggio e alla realizzazione delle pile, bisogna “evitare di realizzare impilamenti verticali o, peggio ancora, con parti a sbalzo; è comunque bene che l’altezza non sia maggiore di 4 m (oppure 3 palette)”.

Inoltre se i carichi hanno bisogno di “sistemi di blocco per mantenere una posizione fissa, occorre assolutamente evitare di scendere dal carrello durante le fasi di movimentazione e, naturalmente, allontanare eventuali persone presenti nel raggio d’azione del carrello o in prossimità degli stoccaggi. In questo caso, la delimitazione degli stoccaggi dovrà prevedere un’ ‘area di rispetto’, all’interno della quale è vietato il transito durante le operazioni di movimentazione.

Theatre Service s.r.l.

Contattaci

Sede Operativa

Via San Paolo n.3
87028 Praia a Mare (CS)

Tel.  0985/777861-777529
Fax. 0985 777883
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Sede Legale:

Piazza ltalia n.27
87028 Praia a Mare (CS)

Codice Fiscale 02629140787
Partita IVA 02629140787.

Responsabile della Protezione dei Dati:

Il Responsabile della Protezione dei Dati (RPD - DPO) per Theatre Service è la sig.ra Cirimele Lidia, con ufficio in via San Paolo, 3 – 87028 – Praia a Mare (CS), tel. 0985 777861, fax 0985 777883, cell. 3886966143, e-mail This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

Vai all'inizio della pagina